La maschera di Collina rifiutata dagli ultrà

Napoli Dalla «sceneggiata» alla carnevalata, Napoli cambia volto. Anzi, maschera. Dopo le polemiche di Udine (non solo gli incidenti provocati dagli ultrà azzurri ma anche i presunti torti arbitrali subiti dalla squadra), i tifosi reagiscono con ironia. Almeno si spera, solo con quella in occasione della partita di domenica prossima al San Paolo, con i campioni d’Italia dell’Inter capolista. A migliaia, infatti, si presenteranno allo stadio con la maschera del designatore arbitrale, Pierluigi Collina. L’idea di recarsi alla partita, a due giorni dal Carnevale, con le sembianze dell’ex arbitro è venuta al giornalista Antonello Perillo, volto noto del Tgr della Campania, tifoso del Napoli e gestore del sito «Azzurrissimo». «Non è una contestazione a Collina - spiega Perillo - ma un modo per sdrammatizzare e riderci su, dopo la delusione e le polemiche successive alla partita di Udine».
Appena «Azzurrissimo» ha partorito l’appello ad andare allo stadio con il volto di Collina incollato sulla faccia, a decine tra siti, network radiofonici, tv private, tra cui l’emittente leader in Campania, Canale 9, che segue le partite del Napoli ovunque, hanno aderito all’iniziativa. Eppoi c’è un indubitabile vantaggio: la maschera dell’odiato Collina, non si compra ma si scarica da internet. Appena «Azzurrissimo» l’ha messa a disposizione - racconta il giornalista Rai - in appena 3 giorni, 10 mila tifosi hanno visitato il sito e l’hanno stampata. Il titolare di un negozio di articoli sportivi del centro l’ha esposta ma ha commesso una gaffe, la maschera è stata apposta su un manichino che indossa la divisa del Napoli.
Ma la maschera presenta un retroscena poco piacevole da ricordare per l’ex arbitro, un caso da diritto all’oblio. Fu ideata all’indomani della partita Olanda-Repubblica Ceca (Europei 2000), quando, Collina, all’epoca dei fatti, direttore di gara, fu contestato dai tifosi cechi per certe sue decisioni. Successivamente fu adottata dai gestori di un sito inglese: Perillo l’ha presa da li. Come reagirà l’interessato? I napoletani si aspettano che l’ex arbitro di Viareggio, la città che ospita uno dei carnevali più famosi del mondo, la prenda sul ridere. Ma la mascherata e anche l’idea di sventolare fazzoletti è stata accolta con disinteresse dagli ultrà delle due curve e di altri settori dove vige il tifo organizzato. «Non ne sappiamo nulla, è la società che deve farsi sentire dal palazzo» la loro idea.
carminespadafora@libero.it