Maserati GranCabrio Sport l’auto «quattro stagioni» che onora il made in Italy

TriesteCirca due mesi fa ci siamo emozionati, sulle strade che segnano i confini poderali della piana attorno a Cremona, alle prestazioni e alla guida della Maserati Gt Mc Stradale. Oggi abbiamo provato emozioni leggermente diverse, ma ugualmente intense, guidando la GranCabrio Sport. Perfetto, per l’evento, lo sfondo del golfo di Trieste in cui si specchia il castello asburgico di Miramare, nei cui cortili eccheggia ancora il suono degli zoccoli dei «tiro a sei» dell’imperatrice Sissi. Oggi è il rombo dei maestoso V8 4.7 litri Maserati a dare la cadenza, ma è facile creare una linea di discendenza diretta tra la classe e nella raffinatissima finizione della nuova GranCabrio e la sontuosa carrozze scoperta dell’imperatrice. Per un attimo lasciamo da parte le prestazioni del potente V8 modenese e dedichiamoci alla qualità del progetto globale che stilisti e tecnici Maserati hanno saputo distillare in una vettura in cui si armonizzano superbamente stile elegantissimo, aerodinamica di prim’ordine, comfort, sicurezza attiva e passiva, raffinatezza di interni, funzionalia e godibilità di gran classe, e, ovviamente, prestazioni travogenti.
GranCabrio Sport è superba in configurazione sia aperta che chiusa. E chiusa il suo Cx è lo stesso delle versione coupé, un risultato unico nel settore, che premia le centinaia ore che i tecnici Maserati hanno passato in galleria del vento. La capote ha un profilo accuratissimo, ma anche una struttura a tre strati che garantisce un’insonorizzazione semplicemente incredibile, pari a quella di un coupé chiuso, anche a oltre 200 orari. La struttura della scocca, a partire dai montanti del parabrezza, è in grado di assicurare protezione assoluta anche in caso di ribaltamento disastroso, e in questo caso entrano in azione anche i rollbar automatici, posti dietro i sedili posteriori. E l’impianto frenante è stato sviluppato specificamente da Brembo, associando le celebri pinze a sei pistoni con nuovi dischi ventilati e scanalati che assicurano una decelerazione potente e immediata anche in caso di pioggia battente, come abbiamo potuto verificare nel corso della prima parte della nostra prova, svolta sotto un vero fortunale.
L’abitabilità è quella di una vera quattro posti e gli interni si presentano con una finizione hi-tech in fibra di carbonio, volante incluso, sobria e perfettamente in carattere con la qualità prestazionale di cui la GranCabrio Sport è capace. Questa è resa totalmente godibile dal miglior autotelaio che abbiamo avuto modo di riscontrare su una vettura di questa classe. Stabilissima anche a capote abbassata, nitida e totalmente neutra in curva, GranCabrio Sport è in grado di accelerare da 0 a 100 in 5,2 secondi e di sfiorare i 290 in velocità massima, ma il suo perfetto cambio automatico Zf a 6 velocità, con palette di selezione al volante, ne rende gradevolissima la guida anche nel traffico cittadino, alla andatura del «tiro a sei» dell’imperatrice Sissi. Con un soffio di gas. Prezzo a partire da 141mila euro.