Massacrò i genitori, fugge dal manicomio

Si è alzato, se ne è andato. Stava modellando la ceramica, è sparito. Aveva ucciso e squartato i suoi genitori perché vedeva in loro spiriti maligni, ora è libero e vaga nelle campagne fiorentine. Carlo Nicolini oggi ha 37 anni, in manicomio giudiziario ha passato gli ultimi undici della sua vita, da quando il 20 luglio 1995 a Sestri Levante, lo trovarono seduto in casa, sporco di sangue con i cadaveri dei genitori fatti a pezzi. Ieri era uscito dall’ospedale psichiatrico per seguire corsi di ceramica, e da qui è riuscito a fuggire.