Massaggi e bagni alla rosa, così ti vizio Fido

In Giappone il proprio animale domestico è considerato praticamente uguale ad un essere umano: stesse abitudini, stesse esigenze, quasi stessa mentalità. Ecco perché è normale andare al supermarket specializzato solo per cani: negozi alimentari in cui aggirarsi con tanto di carrello per scegliere la più corretta alimentazione da somministrare al personale animale domestico. Altra particolarità del Sol Levante sono gli hotel per animali: strutture in cui lasciare Fido per un giorno intero, magari anche di più. Si tratta di «Pet Hotel» che farebbero invidia a qualsiasi animale, uomo compreso: le stanze sono dotate di ogni comfort, aria condizionata, riscaldamento, oltre a webcam e impianto stereo affinché il padrone possa interagire col proprio cucciolo magari durante una sua pausa dal lavoro. Cosa c’entra con Milano? Se è vero che è la città più all’avanguardia d’Italia, già esistono delle strutture che si muovono verso la tendenza giapponese di considerare il proprio cane esattamente come un figlio o un fratello non solo a livello affettivo, ma anche comportamentale. In viale Piave 7 ha aperto da un mese il «Puppies Paradise» (02-76014851, www.puppiesparadise.it): uno spazio nuovo e chic, arredato come un negozio d’alta moda. Pareti rosa confetto e abiti appesi, come per gli uomini, da scorrere fino a trovare quello preferito. Strano a credersi, ma c’è anche chi compra per il proprio cane un accappatoio per dopo il bagno, o un cappotto elegante, come anche una polo: a seconda di dove l’animale deve accompagnare il padrone, per alcuni è importante abbia un abito adatto da indossare. Se le proposte del negozio non soddisfano quella specifica esigenza, è possibile anche farsi fare un completino su misura: come nel caso dei due bassottini che hanno avuto in dono due golf di chachemere bianchi per accompagnare i padroni sull’altare, abbinati a due collari e guinzagli in Swarovski (99 euro e 140 euro). Oltre agli abiti, sugli scaffali si può trovare ogni accessorio, dal gel per l’alito, come anche lo spazzolino, dentifricio, shampoo, balsamo per le zampe e persino le idee regalo per amici (confezioni speciali di caramelle aromatizzate a forma di osso ecc).
Per l’organizzazione del guardaroba del proprio cagnolino, Milano, città della moda, offre più di una scelta. In via San Pietro all’Orto esiste una boutique specializzata in quadrupedi, la “For Pets Only”: più di una commessa a completa disposizione dei vari clienti che entrano ed escono continuamente dal negozio, su tre piani, per scegliere un abito o un accessorio per il proprio “pet”. Addirittura For Pets Only ha anche una sua linea d’abbigliamento (per gli impermeabili il fornitore è lo stesso della marca Monclear), e presenta ogni stagione la nuova collezione con una sfilata in negozio (tutto fatto a mano): dai 60 ai 100 euro per un maglioncino, i meritati 99 euro per il guinzaglio in Swarovski e 52 per il collare. La sfilata è anche una delle occasioni che la boutique usa per organizzare delle feste e raduni tra cani e amici affezionati (www.forpetsonly.it, 02-58430558). Non è il guardaroba l’unico motivo per andare da For Pets: qui si trova infatti la prima Spa in Italia per cani, sotto la direzione dell’esperta signora Rossi e della sua aiutante giapponese. Bisogna prenotare con una settimana di anticipo per ricevere un trattamento beauty: si può far fare, al proprio cane, oltre alla pulizia base di orecchie, occhi e pedicure (25 euro), anche una maschera d’argilla, o un bagno ai petali di rosa, o il bagno accurato e con prodotti specifici, come l’impacco all’Olio di Jojoba (trattamento rigenerante per nutrire e idratare in profondità il pelo) e l’asciugatura con prodotto nutriente e lucidante. Per ogni prima volta da For Pets il trattamento include anche la procedura di inserimento, per ambientare il cane e farlo sentire a suo agio, e, sempre, nel prezzo è incluso un massaggio. Com’è facile immaginare, vari sono i vip che portano qui il proprio cane: da Lele Mora e famiglia, all’Arcuri, passando per Mickey Rourke.
Madonna, Loredana Bertè, Fabio Concato, Enrico Beluschi, e Simona Ventura, hanno comprato invece il proprio cucciolino (un chiwawa da 3.800 euro per Madonna, ad esempio) nell’altro negozio super- specializzato per cani a Milano, «Dilan Dog», in viale Tunisia 15: è il primo pet shop solidale, ovvero che vende solo cibo biologico-olistico per cani, alimenti, prodotti di bellezza e accessori che non contengano additivi chimici (sono esclusi guinzagli in pelle vera, nulla è made in China e tutti i vestiti sono garantiti per almeno due anni, info. www.abbigliamentodeicanimilano.it). Gira libero per il negozio uno yorkshire, piccolissimo, ancora cucciolo, che vale 3500 euro e che già è stato acquistato da un magnate russo: la fama di Dilan Dog è dilagata in tutto il mondo perché, oltre all’attenzione per l’ambiente, fanno una selezione caratteriale dei piccoli, provvedono cioè a dare un’educazione iniziale basata sulla libertà e, allo stesso tempo, l’attenzione continua. Oltre all’attività in negozio, e oltre a vendere cuccioli alle star e ai magnati russi o arabi, Dilan Dog è anche un Pet Shop che si batte contro l’abbandono e il maltrattamento dei cani attraverso il sito (www.dilandog.it).