«AL MASSIMO UNA BABY GANG»

«Più che una associazione a delinquere, mi sembrano una baby gang», Marta Vincenzi ci prova a sdrammatizzare quello che potrebbe diventare un vero e proprio terremoto politico per la città di Genova. L’inchiesta sugli appalti per le refezioni scolastiche sta scuotendo i vertici di palazzo Tursi e la maggioranza di centro sinistra che guida il Comune.
Tre le persone appartenenti alla attuale giunta o con incarichi che fanno riferimento direttamente al sindaco. Si tratta dell’assessore con delega allo sport Paolo Striano, l’assessore alla città solidale con delega ai giovani Massimiliano Morettini e l’addetto alla comunicazione istituzionale Stefano Francesca risultano indagati per associazione a delinquere e turbativa d’asta finalizzata alla corruzione. Su questo ha cercato di sdrammatizzare il sindaco, tesa in volto, mentre alla fine di una conferenza (...)