Massimo D’Alema Il «gemello» nemico che aspetta le europee per sferrare l’attacco

C’è un capocorrente che il segretario del Pd teme più di Massimo D’Alema? È dai tempi della Fgci che i due «gemelli» si inseguono e si sgambettano, merletti davanti e veleni di dietro. Che il lìder Maximo non condivida quasi niente delle scelte fatte sinora da Veltroni non è un segreto, ma pare che aspetti l’occasione più propizia - i risultati delle Europee? - per sferrare l’attacco. Nel frattempo, coi «colonnelli» Nicola Latorre e Gianni Cuperlo, l’ex premier lavora per ricostruire la tela che un tempo lo vedeva padrone incontrastato dei Ds, che sono ancora la parte dominante nel Pd. Anche i «colonnelli» che lo avevano lasciato per il segretario, Marco Minniti e Anna Finocchiaro, si stanno riavvicinando al «capobastone». Il quale punta su Pierluigi Bersani, per la segreteria.