Mastella: alle elezioni Veltroni ha sbagliato tutto

Il voto utile, la vocazione maggioritaria, l’isolamento
dell’Udc. Sono gli errori che, secondo il leader del Campanile, hanno condotto il Pd alla sconfitta elettorale

Roma - Il voto utile, la vocazione maggioritaria, l’isolamento dell’Udc. Sono gli errori che, secondo Clemente Mastella, hanno condotto il Pd alla sconfitta elettorale. Errori, spiega il leader dell’Udeur in un’intervista a «Liberal», su cui è andato a sbattere Walter Veltroni. Perchè il centro sinistra ha perso le elezioni in modo così schiacciante? «L’aver creduto che in Italia si potesse creare dal nulla il bipartitismo. Il voto utile - osserva il segretario del Campanile - non ha fatto che nuocere al centrosinistra che già partiva svantaggiato. Ma credo che sia stato anche un problema di leadership». «Veltroni -spiega ancora Mastella- ha sbagliato tutto, in maniera imbarazzante. Mentre Berlusconi è riuscito ha creare intorno a sè una coesione totale, nel centrosinistra il Pd, che non è altro che un Pds privato di una consonante, è voluto andare da solo, sperando di attrarre su di sè i voti del Centro. Invece è stata un’operazione perdente fin dall’inizio. Isolare Casini, come pure si era cercato di fare prima con me quando si era al governo, non ha fatto -conclude il segretario dell’Udeur- altro che spostare voti dall’altra parte».