Mastella: "Governo a rischio al Senato? Sono il meno indicato a parlare"

Il
governo al Senato rischia di andare sotto rispetto alla mozione su Visco? "E' meglio che mi stia zitto", dice il Guardasigilli

Roma - Il governo al Senato rischia di andare sotto rispetto alla mozione su Visco? "Io sono il meno indicato a parlare, è meglio che mi stia zitto". Così il ministro della Giustizia Clemente Mastella risponde ai cronisti che, in Transatlantico alla Camera, gli chiedono cosa ne pensi della risposta data in aula dal ministro Chiti a una interrogazione di An. Implicito il riferimento all’incidente (ormai chiuso) tra il Guardasigilli e il viceministro dell’Economia, che in un fuori onda trasmesso ieri da "Striscia la notizia", aveva dato del crumiro al collega. Ai cronisti che gli chiedono se mercoledì sarà presente in Senato al dibattito sulle mozioni che riguardano il caso Visco-GdF, Mastella risponde: "Certo che ci sarò. Ci sono sempre, nella buona e nella cattiva sorte".

"Non vedo crisi di governo all'orizzonte" "Non è l’Apocalisse, certo c’è stato un terremoto, ora si tratta di rinforzare la casa. Bisogna verificare se c’è la volontà di stare assieme, altrimenti l’esperienza è finita". Lo dice il ministro della Giustizia parlando della verifica nel governo dopo il voto amministrativo. "In ogni coalizione è giusto ascoltare tutti. Spero siano problemi superabili. Se invece ai problemi che emergono anche dal voto non si dà ascolto, allora c’è l’irreparabilità", avverte. Poi il leader dell’Udeur dice: "Non ho mai immaginato la crisi di governo, anche perché non vedo all’orizzonte una alternativa politica seria. E anche le larghe intese di cui tanto si parla aggiungerebbero precarietà a precarietà".