Masters di golf Mickelson re

Mario Camicia

Phil Mickelson è il campione Masters del golf 2006. Nulla da eccepire, era il giocatore maggiormente in forma al momento ed è giusto che alla fine abbia prevalso su tutti gli altri nel mitico scenario dell’Augusta National. Solo una settimana prima, sempre in Georgia, il trentaseienne mancino americano aveva vinto a briglie sciolte il Bell South con ben tredici colpi di vantaggio e, malgrado la cabala contraria - chi vince la settimana prima non vince poi il Masters -, ha continuato a dimostrare una forma ed una sicurezza invidiabili che alla fine hanno fatto la differenza.
La settantesima edizione del torneo più elegante ed esclusivo al mondo ha rispettato la tradizione: quella degli outsider di lusso che si mettono in mostra nelle prime giornate e quella - vera - che alla fine tutto si gioca sulle ultime nove buche di un percorso spettacolare per un verso e micidiale per l’altro, che incute timore anche ai più prodi perché il titolo in palio è di quelli che valgono una carriera.
Per i fans di Tiger Woods è stata delusione grande, il fenomeno - come al solito dato favorito - non è andato oltre il terzo posto pari merito. Ha lottato, ha provato ad incutere timore e rispetto; gli avversari, sbagliando per i primi tre giri, lo hanno anche favorito, ma alla fine quel terzo posto è già un successo perché Woods, in tutta onestà, non meritava stavolta di vincere. Bene il gioco lungo, male quello sui green; bene sui green, erratico nei colpi di partenza. Ma comunque ha dato spettacolo. Tra gli outsider alla fine ha prevalso il sudafricano Tim Clark, dal carattere caparbio e dal gioco efficace che è giunto da solo alle spalle di Mickelson, distaccato di due colpi. Da sottolineare la grande prova di José Maria Olazabal - vincitore di due Masters - che, grazie ad una gran rimonta finale, si è piazzato pari merito al terzo posto, sette anni dopo la sua ultima vittoria ad Augusta. Ed ancora più grande Fred Couples, vincitore nel 1992, che, fino a poche buche dal termine, è stato l’unico a cercare di mettere pressione al suo grande amico Mickelson.