Mastrogiacomo: "Sto bene. Appello al governo per il rilascio"

Attraverso i canali di Emergency arriva dall'Afghanistan un filmato del giornalista di <em>Repubblica</em> nelle mani dei talebani nel Sud dell'Afghanistan da oltre una settimana. Nelle immagini il giornalista dice che &quot;tutto finirà per il meglio&quot;. Poi ammette: &quot;Siamo entrati illegalmente nel loro territorio&quot;. La Procura di Roma acquisisce il video della durata di due minuti

Kabul - Un video che mostra Daniele Mastrogiacomo, il giornalista di Repubblica sequestrato in Afghanistan, è stato recapitato a Emergency che, ha affermato l'organizzazione umanitaria in una nota, "ha provveduto a trasmetterne copia ai destinatari in Italia". Il reporter afferma di stare bene. Fonti della Farnesina hanno confermato di essere "a conoscenza di un video che è stato recapitato a Gino Strada attraverso i canali di Emergency".

Il video "Sono Daniele Mastrogiacomo, oggi è lunedì 12 marzo, sono le otto del mattino qui in Afghanistan. Sono detenuto con due colleghi afghani. Vorrei dire che sto bene e fare un appello al governo italiano perché possa ottenere la nostra liberazione". Comincia così il filmato in cui appare Daniele Mastrogiacomo, il giornalista rapito in Afghanistan. Poi aggiunge "Siamo entrati illegalmente nel loro territorio" . "Nella giornata di mercoledì 14 marzo, in Afghanistan, una videocassetta riguardante il sequestro del giornalista Mastrogiacomo - si legge in comunicato di Emergency - è stata recapitata a Emergency, che ha provveduto a trasmetterne copia ai destinatari in Italia". "Sono tranquillo, sono convinto che tutto finirà bene" è rassicurante il messaggio che Daniele Mastrogiacomo ha inviato alla famiglia. Nel video recapitato ad Emergency Daniele Mastrogiacomo appare con la testa coperta da un drappo a quadri, forse una tradizionale sciarpa afghana. Ha indosso una camicia grigia e una maglietta di colore più scuro. Lo sfondo è una parete grezza. Il giornalista ha la barba lunga, ma le sue condizioni appaiono buone. Il filmato dura due minuti e si sentono delle voci fuoricampo.

Procura di Roma Il video diffuso oggi in cui compare il giornalista Daniele Mastrogiacomo, rapito in Afghanistan, sarà acquisito dalla procura di Roma, che ha aperto un fascicolo sul sequestro dell'inviato di Repubblica. Il pm Franco Ionta, capo del pool antiterrorismo della Capitale, cercherà così di verificare l'autenticità della data di registrazione, nonchè di capire se sia possibile individuare particolari sul luogo in cui Mastrogiacomo è tenuto prigioniero.