Match a San Siro Politici abbonati ai biglietti gratis

Chiesti 1.108 tagliandi in quattro mesi Non li hanno mai ritirati Sala e i 5 Stelle

Il Campionato di calcio 2016/17 per i consiglieri comunali è partito «in ritardo». Durante i primi match era in corso un braccio di ferro tra l'amministrazione e i capigruppo sulla revisione del regolamento che da anni prevede che gli eletti ricevano in automatico due biglietti gratis per ogni partita. I partiti hanno fatto una battaglia bipartisan per conservare il benefit, ed è semplicemente cambiato il metodo di distribuzione: ora i tagliandi girati da Milan e Inter al Comune (rientra nel contratto per la gestione del Meazza) vanno formalmente richiesti ogni volta. E dallo scorso 18 settembre fino al 17 gennaio i consiglieri e l'ufficio di Gabinetto del sindaco ne hanno prenotati in totale 1.108. Il sindaco Beppe Sala, tifoso nerazzurro, non ne ha mai beneficiato, idem il presidente Pd dell'aula Bertolè, i dem Monguzzi e Moratti e i tre esponenti del gruppo 5 Stelle. In 13 invece hanno chiesto tutti i 44 tagliandi a loro disposizione: da Basilio Rizzo della sinistra radicale ai capigruppo di Fi Gianluca Comazzi e della Lega Alessandro Morelli. Ma tutti e tre dicono di non aver mai usato i biglietti, tutti regalati.