Materazzi cita Kennedy, Pirlo: "Qui per la coppa"

Alle critiche di fine stagione il difensore replica come Jfk: "Perdona quello che hanno detto i tuoi nemici, ma non dimenticare i loro nomi". Il centrocampista: "Vogliamo il bis dopo il Mondiale"

Baden - Solo contro tuttti. E' la situazione che preferisce. Marco Materazzi lo ribadisce in conferenza stampa dal ritiro azzurro citando JFK. A casa azzurri, il difensore simbolo della finale di Berlino ha usato una citazione per rispondere alle critiche che lo hanno investito nel finale di stagione. "Come diceva una persona che credo fosse Kennedy, perdona quello che hanno detto, ma non dimenticare i loro nomi". Il difensore, in ballottaggio per un posto da titolare con Chiellini, si è mostrato sicuro delle sue possibilità "sono consapevole della mia forza, ma non ho certezze. Da quando sono bambino scalo i pregiudizi, ora ci riproverò, se serve ancora una volta a dimostrare quello che valgo".

Pirlo determinato "Gioco e sono venuto qui per vincere. Voglio alzare anche questa coppa". Andrea Pirlo non usa giri di parole, e da casa azzurri lancia un proclama simile a quello di due anni fa a Duisburg, che portò bene all’Italia. "Con Cannavaro l’Italia perde tanto - aggiunge il milanista -, ma abbiamo la stessa voglia del Mondiale in Germania, e in più lo stimolo che l’Italia non vince gli Europei da 40 anni, ed è tempo di riportare a casa questo trofeo".