Materazzi mondiale Stankovic è ovunque Grosso non sa dov’è

nostro inviato a Palermo

6 JULIO CESAR. Al primo tiro vero resta di sasso. Amauri lo stende con un colpo di assoluta precisione. Nella routine è una sicurezza. Per i miracoli non è attrezzato.
6,5 MAICON. Novello pendolino tutto potenza e corsa. Va giù e costringe la difesa del Palermo a rincorse affannate.
6 CORDOBA. Si muove da gattone, qualche volta ci lascia le unghie. Nel gioco aereo soffre, Amauri è grosso e lo fa andare a vuoto.
7 MATERAZZI. Corazziere corazzato in ogni frangente. Gioca con la tranquillità dei tempi migliori, cioè del post mondiale. Forse un po’ troppo tranquillo quando Amauri ha infilato il suo piede d’oro in area. Poi ha momenti magnifici.
5,5 GROSSO. Sembra sempre il corpo estraneo di questa squadra. Giochicchia, tocca palloni a un metro o poco più, quasi mai alza il ritmo. Timido e timoroso. Di sale quando vede sbucare Amauri al gol.
7,5 VIEIRA. Mette il fisicone al servizio della squadra. Va a spazzar speranze dove occorre, non sempre illuminato nel gioco ma terribilmente essenziale. Devastante nel gol.
7,5 STANKOVIC. Splendido e splendente. Anima e cuore, giocatore universale e straordinario. Gioca a centrocampo e in difesa, corre e lavora di fino.
6,5 ZANETTI. Gli basta un tempo per far venire la lingua di fuori a Diana. Solido e sostanzioso, si infila in ogni angolo di campo e apre il turbo.
6 SOLARI. Gioca davanti al centrocampo e va a cercare Corini anche in camera da letto. Deve togliergli spazio e tranquillità, come fece Stankovic con Pirlo nel derby. Gran movimento e gran voglia di fare: non sempre a buon fine.
7 IBRAHIMOVIC. Il gol è biglietto da visita e marchio di qualità. Il resto è copione da pirata che ti stordisce con la qualità del suo calcio e l’animo del fighter. Esce per un problema muscolare. Peccato!
5,5 CRESPO dal 3’ st. Giochicchia.
6 ADRIANO. Sbuca in campo a sorpresa. All’attivo i due assist gol. Tocca con decenza la prima palla e Ibra ne approfitta. Poi alterna le comiche a momenti di calcio dignitoso. Mai dirompente. Ogni tanto sembra un Martins alla brasiliana: vedi pasticcione.
ALL. MANCINI 7. Prova soluzioni a sorpresa. E vince la sua partita.
ARBITRO ROSETTI 6. Ogni tanto guarda l’Inter con un occhio di riguardo.