Matt Damon re Mida del cinema Cruise e Roberts perdono quota

«Forbes» pubblica la classifica delle star di Hollywood più redditizie In netto calo anche Jim Carrey e Will Smith, tracollo di Russell Crowe

New York - Per le star, rimanere sulla cresta di Hollywood diventa sempre più un gioco d'equilibrio tra talento e dollari. Adesso che i film prodotti negli studios californiani veleggiano su costi proibitivi come Fun with Dick and Jane (la commedia di Jim Carrey costata 100 milioni di dollari), oppure Click con Adam Sandlers (83 milioni di dollari), anche gli attori vengono valutati in prima istanza dai calcolatori di Hollywood.

Non basta essere famosi, non basta vincere Oscar; adesso sono i contabili di Hollywood i primi a giudicare il lavoro di attori e attrici, puntando sui favoriti con la stessa frenesia con cui i bookmaker, all'ippodromo, accettano scommesse sui cavalli vincenti. Come i prodotti americani quotati in Borsa, dalla carta igienica ai corn flakes e le automobili di lusso, anche le star vengono adesso definite «buoni investimenti», o investimenti ad alto rischio. È stata la rivista Forbes la prima a formulare una statistica degli attori che producono miglior risultati, chiamandola «Ultimate Star Payback».

Con un semplice calcolo matematico, Forbes ha messo in fila le performance di attori come Matt Damon e Russel Crowe e di belle donne dello schermo come Angelina Jolie e Julia Roberts. Prendendo il loro cachet, che si aggira attorno ai 26 milioni di dollari per film (più ovviamente una bella percentuale sugli incassi) e mettendolo a confronto con gli incassi mondiali delle varie pellicole e le vendite complessive di dvd e gadget, gli analisti della rivista Forbes hanno dichiarato ieri che Matt Damon è l'attore di Hollywood che rende di più: per ogni dollaro che lui incassa, ne fa incassare ben 29 ai produttori dei suoi film. Damon ha vinto soprattutto grazie ai magici incassi di The Bourne Ultimatum, il terzo episodio della saga di Jason Bourne che ha scavalcato lo scorso weekend tutti i record per un debutto estivo (70 milioni di dollari). Dietro a Damon appare il secondo attore della classifica, Brad Pitt, con 24 dollari per dollaro investito davanti, ex aequo, a Vince Vaughn e Johnny Depp (21 dollari).

Tra le donne guida invece la classifica l'ex moglie dell'attore, Jennifer Aniston, davanti alla sua attuale compagna Angelina Jolie. Angelina sarà più bella e più amata dai rotocalchi, ma è lei, la Jennifer acqua e sapone della serie televisiva Friends, che ancora fa mettere in fila ai botteghini milioni di americani. Per ogni dollaro del suo cachet, la Aniston ne fa guadagnare ben 17 ai produttori di pellicole come The Break-up (odiato dai critici ma con un sorprendente incasso di 270 milioni). La seguono la Jolie (15 dollari), Renee Zellwegger e Reese Witherspoon. Deludono invece grandi nomi come Tom Hanks, Tom Cruise, Will Smith e Denzel Washington: rendono soltanto tra i 10 ed i 12 dollari a biglietto verde investito e non fanno neppure parte delle top ten. Anche attrici del calibro di Julia Roberts non appaiono nemmeno nella «Ultimate Star Payback», e fanno domandare a molti se questa classifica sia veramente basata su tutte le variabili di una Hollywood che cambia in fretta parere sulle sue star.

Chiude infatti la lista dei 21 magnifici il «bad boy» Russell Crowe (5 dollari), in netto calo rispetto agli anni precedenti. E perché poi dichiarare quasi fallimentari, a suon di dollari, comici come Adam Sandler (9 dollari), Will Ferrell e Jim Carrey (8 dollari), solo perché il loro umorismo è difficile da esportare sul mercato mondiale del cinema?