Il mattatore «arrivato» dalla Grecia

È morto nella notte di ieri in una clinica romana, all’età di 81 anni, l’attore teatrale, cabarettista e doppiatore Oreste Lionello. Era nato a Rodi, in Grecia, il 18 aprile del 1927, ma era cresciuto a Reggio Calabria. Già agli inizi degli anni ’50 aveva intrapreso contemporaneamente la carriera di autore e interprete comico a teatro e quella di doppiatore al cinema. In tv arriva nel ’56, ma la sua vocazione resta il cabaret che si esprime, dall’inizio degli anni ’70, con il gruppo del Bagaglino creato insieme ai suoi amici Castellacci, Pingitore, Cirri e Palumbo. A Roma il Bagaglino è stato palestra per comici come Pippo Franco, Enrico Montesano, Pino Caruso e Gianfranco D’Angelo. La compagnia del Bagaglino, dalla metà degli anni Settanta, si era trasferita con notevole successo anche in tv, prima alla Rai e poi a Mediaset con spettacoli come Dove sta zazà (1973), Mazzabubù (1975), Il ribaltone (1976), Al Paradise (1983), Biberon (1987), con cui Lionello & Co. diedero inizio a quella satira politica che ha portato al Bagaglino di Roma molti politici in carne ed ossa, da Giulio Andreotti (di cui Lionello è stato imitatore principe) a Mastella e Di Pietro.