«Il mattone resta il migliore investimento»

D’accordo parlare di contrazione del mercato delle compravendite immobiliari, d’accordo anche sottolineare come a Genova, in particolare, i prezzi degli immobili siano scesi parecchio rispetto ai valori - altissimi! - di soli pochi anni fa. «Ma questo - sottolinea Pier Luigi Bairo, presidente di Fimaa Liguria, la Federazione italiana mediatori agenti d’affari - è fisiologico in qualsiasi compravendita, in qualunque settore e in qualsiasi libero mercato basato sull’incontro di domanda e offerta». Guai, quindi, a diffondere allarme, se non addirittura a indulgere in «strumentalizzazioni in qualche modo interessate», parlando di crollo delle quotazioni e, in qualche modo, di «situazione catastrofica che, alla luce dei fatti, non è». È vero che i venditori - ribadisce ancora Bairo - sono disponibili a esaminare anche proposte non del tutto aderenti alle richieste, così come è vero che «la stagnazione dell’economia nazionale, unita alla ragionevole prudenza degli investitori in un momento di relativa confusione non contribuisce certo a dinamicizzare gli scambi», ma questo è senza dubbio anche provocato o influenzato dalla indisponibilità dei venditori a concedere sconti oltre il ragionevole.
In sostanza, allora, a giudizio dei mediatori agenti d’affari, «il risparmio investito nel mattone viene sempre recepito come il più sicuro e, al di là dell’intento speculativo tipico del breve termine, nel medio lungo non preoccupa minimamente». Da tutte queste considerazioni emerge la convinzione che «non si possano condividere certe valutazioni sensazionalistiche, forse frutto di un non adeguato numero di rilevatori a disposizione sul territorio in grado di «tastare il polso» del mercato in modo affidabile. A conforto di queste affermazioni, la Federazione mediatori agenti d’affari fa riferimento al suo periodico «Borsino» della provincia di Genova, in cui, oltre al catalogo completo delle aziende aderenti e alla normativa vigente (anche dal punto di vista fiscale) nel settore degli immobili, vengono riportate in dettaglio, zona per zona, le quotazioni delle case divise per tipologia: «da ristrutturare», «ristrutturato o nuovo», «indipendente da ristrutturare», «indipendente ristrutturato/nuovo», «box», «locazione residenziale», «locazione turistica». Il tutto per concludere con una nota di ragionevole fiducia nei confronti del mattone. Che a Genova e in Liguria magari scende di prezzo, ma di qui a dire che crolla...