«Maturità, ho denunciato i diplomifici»

Il provveditore della Lombardia, Annamaria Dominici, che già in passato aveva denunciato scuole che rilasciavano diplomi «facili», torna all’attacco e mette in guardia gli studenti dal rimanere vittima dei diplomifici che promettono promozioni in cambio di migliaia di euro. E una preside spiega come funziona il mercato dei corsi che preparano agli esami: «Chiamarle scuole è un insulto, sono organizzazioni truffa.» Intanto, ieri prima prova scritta alla Maturità: il tema di italiano. Tra i titoli più gettonati nelle scuole milanesi (sono 24mila le ragazze e i ragazzi della Lombardia che sostengono in questi giorni l’esame di Stato), quelli sulla Costituzione e sul villaggio globale. Ha spiazzato tutti invece la traccia letteraria che ci si aspettava fosse sul Novecento e invece è stata su Dante e la Divina Commedia. Oggi invece prevista la seconda prova, che varia a seconda del corso di studi. Come ogni anno, professori in fuga dalle commissioni d’esami, e scattano le verifiche: presto i rinunciatari riceveranno la visita del medico fiscale per i controlli previsti dalla legge.