Maturità, raddoppiato il numero dei bocciati

Non hanno superato l’esame sei studenti su cento, il 6,6% degli scrutinati, il doppio
rispetto all’anno scorso quando si registrò una percentuale di bocciature pari al 3,3%. Ma il dato comprende anche i "non ammessi" all'esame. In sensibile calo anche i voti alti. Le ragazze si confermano più brave

Roma - Gli studenti che non hanno superato l’esame di maturità quest’anno sono il doppio di quelli dell’anno scorso, 6,6% degli scrutinati contro il 3,3%. E i ragazzi che oltre a un voto alto incasseranno anche la lode, novità introdotta in questa edizione dell’esame di Stato, saranno circa tremila. È quanto emerge da una ricognizione fatta dal ministero della Pubblica istruzione sui risultati dell’esame che conclude il ciclo degli studi superiori. Dai dati emerge pure un calo dei voti alti: la percentuale dei voti superiori a 90 è scesa dal 20 al 17% (in particolare quelli con 100 sono diminuiti dal 9,7 al 7,5%) mentre è aumentata la percentuale di studenti con una votazione compresa tra 61 e 80, passando da 51,6% a 54,6%.

Le ragazze sono più brave Si conferma il vantaggio femminile in termini di risultati e di regolarità dei percorsi, anche nelle eccellenze: ha preso la lode il 60% delle femmine contro il 40% dei maschi. "La scuola ha risposto al cambiamento di rotta che ha aiutato a rendere l’esame più serio e credibile", ha commentato il ministro Fioroni sottolineando che quest’anno le rinunce da parte di presidenti e commissari sono stati inferiori a quelle dei primi anni delle commissioni miste: si è passati dal 33% di rinunce dei commissari del 2000 al 22,7% di quest’anno.