Maullu e Podestà in Abruzzo: «In arrivo fondi per gli sfollati»

«Regione Lombardia aiuterà concretamente l’Abruzzo individuando un obiettivo attraverso il quale dare un significato vero e profondo a questa ricostruzione». Stefano Maullu, assessore regionale alla Protezione civile, anticipa pure che dal Pirellone è in arrivo un sostegno finanziario «consistente»: «Un impegno che si sta concretizzando con un progetto di legge voluto dal presidente Roberto Formigoni che sarà consistente anche dal punto di vista finanziario. Sostegno che potrebbe essere deciso già la prossima settimana».
Intanto, continua l’assessore Maullu, «prosegue l’opera dei nostri volontari alle popolazioni vittime del terremoto». Mano tesa, grande collaborazione di «uomini e donne con una generosità che lascia davvero commossi» annota Stefano Maullu durante il sopralluogo alle strutture dei campi «lombardi» di Bazzano e di Monticchio. Impegno lombardo che si traduce in due campi di accoglienza, due ospedali, 380 volontari, 77 medici e tecnici e due cucine da campo che sfornano poco meno di duemila pasti ogni giorno. E, ancora, decine di squadre per verificare l’agibilità degli edifici, poco meno di cento automezzi, la farmacia mobile e, persino, l’ufficio postale dotato di bancomat.
Impegno applaudito anche dall’europarlamentare Guido Podestà, coordinatore lombardo Pdl e candidato presidente alla Provincia di Milano, che ha verificato de visu insieme a Maullu: «Sono stato tra coloro che hanno fortemente voluto nel 2002 l’istituzione da parte del Parlamento europeo del fondo per il finanziamento di interventi dopo l’esondazione del Reno. Ora, in Abruzzo, una volta accertati i danni e sulla scorta di un piano di spesa, la commissione bilancio potrebbe assegnare alla Regione Abruzzo tra i 450 e i 500 milioni di euro per la ricostruzione». Podestà preannuncia poi che la «sua» Provincia dedicherà «sostegno ai volontari della protezione civile, anche con corsi di formazione oltreché di informazione nelle scuole».