Maxi-manta libera acciughe

Una manta di due metri e mezzo di apertura alare, e del peso di oltre un quintale, è finita la notte scorsa nella rete del peschereccio «Marlin» di Sestri Levante dedito alla pesca delle acciughe. È stata liberata, ma l'equipaggio ha perso le preziose acciughe. L'insolita cattura è avvenuta ad un miglio al largo di Levanto dove il motopesca sestrese al comando di Paolo Armento e con otto uomini di equipaggio stava issando a bordo la grande rete sotto la lampara. Per liberare la manta (un pesce tropicale che raramente si trova nel Mediterraneo) è stato necessario aprire la rete, con la perdita anche delle acciughe pescate. Nelle reti da lampara è frequente finiscano delfini e pesci luna attratti dalla concentrazione di acciughe, che vengono gettati di nuovo in mare senza dover aprire la rete. La stessa operazione non è stata possibile con la manta a causa della sua forza e del suo peso che avrebbe rotto la costosa rete.