La maxiparcella dell’elettricista non va pagata

Due anni fa, in agosto, un anziano di Cremona pagò 1.200 euro a un elettricista (contattato tramite l'annuncio di una società inserito nella guida telefonica) per la semplice sostituzione di un salvavita. L'intervento durò solo mezz'ora e il valore del pezzo cambiato era di poche decine di euro. Ora il giudice di pace del tribunale di Cremona Gaetano Lecce ha condannato la società che effettuò la riparazione, una srl con sede a Milano, a rimborsare al cremonese 1.050 euro. Dunque, per il giudice, l'intervento ha un costo di soli 150 euro. La sentenza è giunta al termine di un procedimento portato avanti grazie all'interessamento di Federconsumatori Cremona. La documentazione prodotta dall'avvocato - parere di periti ed esperti, tabelle della Camera di Commercio che fissano i costi orari della manodopera di elettricisti - ha fatto breccia nel giudice. Ma non sarà facile ottenere il rimborso: la società citata in giudizio e condannata sembra sparita nel nulla.