Un maxiprocesso alla Gea chiesti più di 400 testimoni

da Roma

Il primo processo penale del dopo Calciopoli, legato alla vicenda della Gea, rischia di diventare un maxiprocesso. Nell’udienza di apertura accusa e difesa (assenti i sei imputati), oltre a presentare una documentazione imponente raccolta durante le indagini, hanno chiesto l’audizione di più di 400 testimoni: investigatori, presidenti di società, gli ex vertici della Figc, giocatori, allenatori e procuratori. In pratica, davanti alla decima sezione penale del tribunale di Roma, potrebbero sfilare tra gli altri Carraro, Moratti, Galliani, Lotito, la Sensi, Della Valle, ma anche Zeman, Ancelotti, Capello, Lippi o i calciatori Cannavaro, Trezeguet, Nedved, Del Piero.
Nella prossima udienza del 10 luglio, il presidente di sezione Luigi Fiasconaro deciderà se prendere in esame, durante il dibattimento, i documenti raccolti a Napoli e Torino in analoghe indagini e inviati poi alla Procura di Roma. Due giorni dopo invece sarà stilata la definitiva lista testimoniale. Molti nomi sono in comune nelle due liste e perciò si ritiene che il tribunale ridurrà notevolmente il numero delle persone da citare. Ieri, intanto, sono state accettate le richieste di costituzione di parte civile della Figc, del procuratore Orlandini e dell’attuale ad del Torino Antonelli.