Mazzarri alla ricerca della difesa perduta

Oltre al danno la beffa. I punti persi, l'arbitraggio di Celi, ma soprattutto una squadra senza difesa. Mazzarri ed i suoi collaboratori faranno la conta per vedere chi sarà disponibile nel turno infrasettimanale di domani. Al Luigi Ferraris, arriverà la Lazio di Delio Rossi, reduce dalla clamorosa debacle contro i rossoblù isolani, ma in casa Sampdoria si contano parecchie defezioni. Sicuri assenti saranno Accardi e Campagnaro, insieme a Sammarco e Pazzini, che dopo il giallo rimediato a San Siro, sono stati squalificati dal giudice sportivo. Da valutare invece le condizioni dei difensori Gastaldello e Raggi, usciti malconci dal match contro i neroazzurri, sottoposti nella giornata di ieri ad accertamenti più accurati per valutare le loro condizioni. E se il primo ha accusato una forte contusione al polpaccio destro durante la prima frazione di gioco, per l'ex giocatore del Palermo si tratta di un fastidio all'inguine sinistro, causato probabilmente dai tanti minuti giocati in pochi giorni dopo alcuni mesi di panchina in terra siciliana.
Bellucci ha dimostrato a Milano di essere guarito, mentre Cassano nella giornata di lunedì è tornato ad allenarsi con il gruppo e tutti sperano che possa essere a disposizione per domani. Mentre per i giocatori impegnati nella gara di domenica c'è stato solo un lavoro di scarico, gli altri elementi della rosa hanno sostenuto l'allenamento normale. Da segnalare che anche Franceschini, così come Pazzini, non si è allenato per alcuni acciacchi post Inter. Contro la Lazio serviranno dunque grinta e cuore, quello che i giocatori hanno manifestato contro l'Udinese e l'Inter, e che i tifosi, dopo la gara contro il Palermo e con la lettera consegnata a capitan Palombo, alla vigilia della sfida di Coppa Italia, avevano richiesto alla squadra. Anche domenica sera al triplice fischio i giocatori hanno rispettato la volontà dei tifosi evitando di andare sotto lo spicchio colorato da duemila bandiere blucerchiate. Guardando la classifica è inutile nascondere che mercoledì saranno indispensabili i tre punti per allontanarsi dalla zone calde, perché un ulteriore passo falso potrebbe aprire scenari davvero inimmaginabili all'inizio di questa stagione. Inoltre un risultato positivo contro i biancazzurri permetterebbe a Cassano e compagni di affrontare con un altro spirito la gara di domenica a Verona contro il Chievo. Annata, che non va dimenticato, vede comunque il team blucerchiato impegnato negli ottavi di Coppa Uefa e nella semifinale di Coppa Italia, senza trascurare che un approdo in finale potrebbe eventualmente anche significare l'accesso alla Uefa.
La Sampdoria si allenerà anche oggi pomeriggio al Mugnaini di Bogliasco per un'unica seduta di allenamento che potrà dire qualcosa di più sulle condizioni dei giocatori acciaccati e sulle possibili scelte di formazioni da parte del tecnico Mazzarri. Appare comunque probabile che Stankevicius e Pieri retrocederanno sulla linea difensiva, mentre con il rientro di Lucchini, capitan Palombo potrebbe tornare in mezzo al campo, nonostante la sua prestazione da centrale difensivo sia stata positiva. Piccola consolazione per i tifosi blucerchiati sono le tre giornate inflitte ad Adriano dopo il pugno a Gastaldello, che secondo il giudice sportivo «in tale frangente, il calciatore interista, nel sottrarsi alla pressione esercitata dall'avversario, con un repentino movimento del braccio destro, colpiva con un pugno all'addome il calciatore blucerchiato, che si accasciava al suolo con atteggiamento sofferente». Certo se il signor Celi avesse visto sul momento la scorrettezza del brasiliano la gara sarebbe cambiata, ma a volte, purtroppo, bisogna sapersi accontentare.