Mazzocchi e Maselli (Pdl): «Luneur, no a speculazioni»

«Il Luna Park è e deve rimanere una “istituzione” per Roma, un punto di riferimento per famiglie e ragazzi, una struttura di servizio per tutta la collettività romana: non vorrei che la sua chiusura fosse dettata da qualche retropensiero che attraverso il fallimento potrebbe portare a una speculazione su un’area di pregio come quella del parco». A sollevare il «sospetto» sono i consiglieri regionali del Pdl Massimiliano Maselli e Herder Mazzocchi, che hanno presentato un’interrogazione a Marrazzo per chiedere di chiarire alcuni punti. «Vogliamo sapere - scrivono Maselli e Mazzocchi - se il ministero del Lavoro e della Previdenza sociale ha già reso disponibili i fondi necessari per i contributi previsti, se la Regione ha già predisposto e presentato l’elenco nominativo dei lavoratori interessati alla mobilità; se la Regione ha già intrapreso l’azione di impulso e coordinamento di tavoli di confronto tra Eur Spa e Cinecittà Entertainment; se la giunta regionale intende attuare politiche incisive finalizzate alla riapertura del parco e domandare all’Eur spa quale sia la sua posizione ufficiale, atteso che secondo la stampa da un lato è favorevole a chiudere il parco per supposte ragioni di messa in sicurezza degli impianti e dall’altro avrebbe minacciato, per bocca del proprio Ad, l’intervento della forza pubblica ai danni della Luppro per consentirne la riapertura».