McCartney, 48 milioni alla ex per il divorzio

da Londra

«Non le darò nemmeno un penny», aveva minacciato solo poche settimane fa. Alla fine, però, Paul McCartney è sceso a più miti consigli: secondo il tabloid domenicale News of the World, infatti, l’ex Beatle avrebbe raggiunto un accordo extra giudiziario per il divorzio da Heather Mills, accettando di darle una buonuscita pari a 48 milioni di euro. Heather prenderà mille sterline l’ora per i suoi quattro anni di matrimonio con sir Paul McCartney. «È la stessa tariffa che chiedeva come prostituta», sottolinea acido il tabloid, riferendosi alle indiscrezioni di qualche mese fa secondo cui, negli anni ’90, Heather - una famosa modella, che ha perso una gamba dopo un incidente d’auto - faceva la call-girl di lusso e partecipava a «orge selvagge con ricchi arabi». Secondo il News of the World, McCartney avrebbe ceduto alle esose richieste della chiacchierata seconda moglie, soprattutto per evitare a tutti i costi uno scandalo. Le figlie di primo letto dell’ex Beatle, Stella e Mary, sarebbero però «furiose» con il padre per la sua resa: loro, infatti, speravano che la matrigna fosse «pubblicamente screditata» al processo per il divorzio. Heather ha dato a McCartney una figlia, Beatrice, che adesso ha tre anni. A quanto pare, l’accordo extra giudiziario appena raggiunto le permetterà di ottenere anche una lussuosa casa da 6 milioni di euro nel quartiere londinese di St. John Wood e una villa da 9 milioni di euro a Los Angeles. «In questo modo - spiega il News of the World - Paul riesce a mantenere la privacy sul divorzio, che tanto voleva, mentre Heather è contenta perché non rischia un fiasco in tribunale». McCartney, in ogni caso, non rischierà la bancarotta: la sua fortuna complessiva ammonta infatti a 1,2 miliardi di euro. I soldi che darà a Heather, quindi, per lui sono quasi degli «spiccioli».