MCE, fiera per la crescita:boom di imprese espositricie di visitatori professionali

Oltre 155.000 visitatori professionali registrati nei quattro giorni di Expocomfort in Fieramilano. Dall'estero +4% di presenze: in pole position Brasile, Turchia e Polonia<strong><strong id="tinymce" class="mceContentBody " dir="ltr"></strong></strong>

Se in tempi di crisi si guarda con attenzione a tutto ciò che indica volontà di ripresa, di non fermarsi, capacità di innovare e confrontarsi con la concorrenza, impegnarsi nella sfida dell'internazionalizzazione con la capacità valorizzare il made in Italy e di portare nel mondo a Milano, MCE – Mostra Convegno Expocomfort 2012, ha dato risposte davvero positive. Perché ha chiuso i battenti con numeri record e si è conferma leader mondiale per l’impiantistica civile e industriale, della climatizzazione e delle energie rinnovabili.

L’edizione 2012, tenutasi a Fieramilano dal 27 al 30 marzo, ha registrato oltre 155.000 operatori, un aumento del 4% delle presenze dall’estero in particolare dalla Germania, Francia, Regno Unito, Polonia, Israele, Libano, Turchia, Marocco e Brasile. Un dato oltre ogni aspettativa, se si considera che questa edizione è durata un giorno in meno rispetto a quella 2010.

La  presenza degli operatori stranieri alla biennale che ha occupato tutti i 16 padiglioni fieristici per una superficie di ben 325.000 metri quadrati, ha confermato in pieno la vocazione internazionale della manifestazione che ha attirato molti professionisti, interessati alle tecnologie di ultima generazione, di cui MCE, è indiscutibile vetrina e banco di prova, a partire dalle soluzione più innovative e funzionali. Oltre 2.100 gli espositori presenti, di cui più di 900 provenienti da 58 paesi, con un incremento delle presenze, in particolare, da Turchia, Polonia, Europa dell’Est. Numerosa, come sempre, la presenza delle aziende dai paesi "tradizionali" come Francia, Germania, Austria e Inghilterra.

La panoramica completa delle ultime novità di mercato, che valorizzano l’innovazione tecnologica mettendola al servizio dell’efficienza operativa e del risparmio energetico, ha toccato un livello di eccellenza che è stato particolarmente apprezzato dai visitatori che hanno animato Expocomfort a caccia non solo di nuovi prodotti, di occasioni business, di idee nuove da proporre sul mercato. Il successo di MCE deriva dalla capacità di coniugare l’offerta espositiva, altamente qualitativa, con l'offerta formativa: convegni, eventi e iniziative sono stati particolarmente apprezzati dal pubblico professionale che ha potuto ottimizzare la propria visita aggiungendo al business anche un'importante un’opportunità di crescita e aggiornamento.

"Il dato più interessante riguarda il ruolo svolto da MCE - spiega Massimiliano Pierini, Business Unit Director Reed Exhibitions - che è percepito da espositori e visitatori come un appuntamento capace non solo di fare incontrare la domanda e l’offerta, ma anche di creare una riflessione culturale, favorendo la contaminazione di competenze e saperi.  I risultati che abbiamo raggiunto in questa edizione sono ancor più premianti tenendo conto che abbiamo scelto di presentarci al mercato su quattro giorni anziché cinque, venendo incontro alle esigenze delle nostre aziende".

"Anche quest'anno a Mostra Convegno Expocomfort le aziende italiane hanno reso tangibile l'evidenza che il settore idrotermosanitario è oltremodo attivo, innovativo e capace di competere a livello internazionale – aggiunge Sandro Bonomi, presidente di ANIMA -. Siamo molto felici di constatare quanto le nostre imprese credono nell’Italia e nella nostra capacità produttiva e i numeri di MCE rappresentano un’ulteriore spinta a puntare ancora di più nel nostro settore".

"Si intravede finalmente qualche concreto elemento positivo che può essere esteso all’intero contesto europeo, nel quale attualmente Germania e Repubblica Ceca interpretano il ruolo di autentiche 'locomotive' del settore ITS – dichiara Mauro Odorisio, presidente di ANGAISA  e neo-eletto presidente della FEST. "Nuovi segnali di fiducia che la stessa Mostra Convegno Expocomfort ha amplificato, facendo registrare un numero davvero significativo di aziende e visitatori, che hanno potuto avvalersi delle moltissime opportunità che la manifestazione offre a tutti gli operatori del settore. MCE ci ha proposto una nuova ventata di ottimismo e di dinamismo, di voglia di ripresa, di fiducia nelle qualità imprenditoriali del sistema nel suo complesso e nell’esistenza di effettive e concrete prospettive di crescita".

Zero Energy 2020: verso l’integrazione è stato il filo conduttoredella rassegna ed  ha caratterizzato questa edizione di MCE, mettendo in luce  ben 27 macro-settori produttivi di eccellenza, che spaziano dal condizionamento alla refrigerazione, dal riscaldamento all’attrezzeria e componentistica, dalla tecnica sanitaria alla rubinetteria e al mondo bagno, dal solare termico alla cogenerazione, dalle biomasse al fotovoltaico. La sensazione diffusa è stata di un grande dinamismo all’interno del mercato, che crea le condizioni per intercettare la crescita internazionale.

L’organizzazione è già al lavoro per la prossima edizione di MCE che si terrà dal 18 al 21 marzo 2014 sempre a Fieramilano.