Tra me e techL'home theatre è Solo, ma vale per tutti

M a, insomma, dove li metto tutti 'sti cavi? La domanda sorge spontanea per tutti gli appassionati di home theatre, quelli che vedono gli altoparlanti tutti ben collocati nella foto della brochure, ma che poi guardano casa propria e non sanno che pesci pigliare. Insomma: per il 5.1 ci vuole una magione, per qualcosa di meno comunque uno spazzio acconcio, anche peeché ci sono appunto i cavi e se ci si rivolge a un sistema wireless i prezzi inevitabilmente salgono. Poi però arriva Bose e il problema è improvvisamente risolto: un po' perché stiamo parlando di un'azienda leader nella ricerca per il settore audio e un po' perché l'ultimo nato - il Solo - è un po' l'uomo di Colombo. In pratica: buttate via il vostro subwoofer, perché Bose Solo è un sistema compatto che misura circa 7 cm in altezza, 52 cm di larghezza e 30 cm di profondità e funziona con qualsiasi televisore. E l'idea è semplicissima: si collega, si alloggia direttamente sotto qualsiasi televisione flat con schermi fino a 32 pollici e con molti televisori fra i 40 e i 42 pollici. Unico limite i 18 chili di peso.
L'installazione e l'uso sono assolutamente semplici, Bose Solo si connette al televisore utilizzando un unico cavo e una spina per l'alimentazione, senza ulteriori cavi o configurazioni particolari. La confezione include anche un telecomando che ha pochi classici tasti (acceso, spento, volume su e giù) , ma il sistema può essere controllato con la maggior parte dei telecomandi universali. Per un audio limpido che fa la differenza (e che differenza) anche a bassi volumi. Così. Solo.

Prezzo: 399 euro. Voto: 9. Suggerito a: praticamente a tutti quelli che desiderano imparare a sentire davvero la tv. E, garantito: non si torna più indietro.


di Marco Lombardo