«Medaglia d’oro ai caduti in Irak»

Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità una mozione presentata dal presidente Marco Pomarici che impegna il sindaco Alemanno ad adoperarsi, presso il ministero della Difesa, affinché il presidente della Repubblica possa conferire a tutti coloro i quali hanno perso la vita in attacchi militari e terroristici in territorio iracheno, la medaglia d’oro al valore militare. Al voto non ha partecipato il consigliere Andrea Alzetta (Sa), che uscendo dall’aula ha detto: «Era meglio se non andavamo in guerra». «Oggi - ha detto Pomarici, che presentando la mozione ha lasciato lo scranno del presidente per unirsi ai colleghi consiglieri - ricorre il quinto anniversario dell’attentato di Nassirya, il più grave contro i nostri soldati dalla fine della seconda guerra mondiale. Vorrei che l’iter per la consegna della medaglia d’oro al valore militare ai caduti di Nassirya, avviato oggi, portasse in futuro l’attribuzione della medaglia d’oro anche a tutti coloro che hanno pagato il prezzo più alto per restituire all’Iraq la sovranità popolare». La mozione ha ricevuto il voto favorevole anche del Pd. Secondo il consigliere comunale Giulio Pelonzi, «questa giornata insegna che le istituzioni sono più importanti della politica». «Quella di oggi è la pagina più bella del consiglio comunale da quando sono sindaco», così Gianni Alemanno ha commentato l’approvazione della mozione. Il sindaco ha espresso «soddisfazione per il voto unanime, che è una rarità assoluta».