Mediaset, per Endemol via libera Ue

da Milano

Semaforo verde da parte della Commissione europea all’acquisizione di Endemol, la casa di produzione tv titolare di format di successo come ad esempio il grande Fratello, da parte del consorzio guidato da Mediaset. È stata notificata infatti ieri la lettera della Commissione Ue che ha stabilito che l’acquisizione di Endemol non si qualifica come una concentrazione.
«Il documento - si legge in una nota - è stato inviato dalla Ue ai tre partner del consorzio internazionale che si è aggiudicato la quota del gruppo olandese messo in vendita dal gigante delle tlc spagnolo Telefónica». In particolare, la lettera comunica che per come sono strutturati gli accordi di governance «l’operazione non richiede notifica preventiva ai sensi dell’articolo 4 del “Merger regulation”». In pratica l’accordo non dovrà essere approvato dall’Antitrust europeo. In effetti la quota societaria che fa capo a Mediaset, l’unico dei tre soci che opera in ambito televisivo, è molto diluita. La società italiana infatti ha acquisito il 33% di Endemol tramite Mediacinco Cartera, una newco formata in partnership con la controllata spagnola Telecinco. Gli altri partner, Cyrte Fund II (che fa capo al fondatore di Endemol, John De Mol) e GS Capital Partners (Goldman Sachs) hanno altre quote paritetiche del 33%. Le tre società lunedi hanno rilevato il 99,7% di Endemol Investment Holding, che detiene il 75% della società per 2,6 miliardi di euro. Appena possibile faranno un’Opa sul rimanente 25% quotato in Borsa.