Mediatori creditizi Serve una riforma

Riforma dei mediatori creditizi. Questo il tema al centro del forum promosso ieri a Roma dal quotidiano online «Economia & Mercato». «Com’è possibile - afferma Diego Locatelli, azionista di Credipass - che un promotore finanziario sia giustamente sottoposto a numerosi controlli, per proporre ad esempio a una famiglia la gestione di 50 euro di risparmio al mese, mentre il mediatore creditizio che propone quello che per la famiglia è l’investimento di una vita, il mutuo per la casa, possa esercitare il suo ruolo con un diploma da cuoco dopo tre anni di studio e un’autocertificazione? Un appello perchè venga affrontato il problema viene lanciato da Locatelli all’on. Ventucci, autore di una proposta di legge per il riordino del settore.