Medici cattolici a convegno su vita umana e dolore

«A te grida il dolore innocente», questo il titolo del convegno dell’associazione Medici cattolici italiani di Milano, che si è tenuto nei giorni scorsi presso l’Auditorium di Assolombardia di via Pantano. L’incontro, dedicato al «senso dell’umana sofferenza», è stato introdotto dal professor Giorgio Lambertenghi, presidente Amici di Milano. Sono intervenuti don Luigi Verzé, l’arcivescovo Gianfranco Ravasi, l’italiana rapita in Afghanistan Clementina Cantoni, il responsabile della Croce rossa in Afghanistan Alberto Cairo e numerosi docenti ed esperti, fra cui Massimo Cacciari, Vito Mancuso e molti altri. Centro del dibattito, la «sofferenza priva di senso», quesito ricorrente nella storia dell’uomo. Fra i temi affrontati, l’importanza delle Sacre Scritture «per trovare supporto e conforto al proprio dolore» e il ruolo contraddittorio della ricerca scientifica e della medicina, «sempre più condizionate da interessi economici e di profitto». «Una questione importante su cui riflettere», come ha concluso il presidente Lambertenghi.