Medicina estetica Sempre più global cresce anche tra gli immigrati

La medicina estetica diventa sempre più global. Il nuovo trend vede crescere il popolo degli immigrati che si affidano a terapie, cure e ritocchi senza bisturi per cancellare difetti e segni del tempo. «Ormai - spiega Emanuele Bartoletti, segretario generale della Società italiana di medicina estetica (Sime), tracciando la nuova tendenza - siamo alla seconda-terza generazione di immigrati, di fatto naturalizzati italiani. Si tratta di persone inserite nel tessuto sociale, spesso economicamente abbienti». È uno dei tanti aspetti emersi dal congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica ieri a Roma.