Medico dà 2 anni di vita a Chavez: cacciato dal Venezuela

I servizi segreti contattano l'ex dottore della famiglia del presidente, che vive in Venezuela: aveva diagnosticato a distanza una forma di tumore incurabile e la sua prossima fine

Il medico Salvador Navarrete che, il 17 ottobre scorso, aveva detto che a causa del cancro che lo ha colpito, il presidente Hugo Chavez «ha una aspettativa di vita di due anni», si è visto «obbligato» ad abbandonare «in modo repentino» il Venezuela insieme con la famiglia. Lo ha fatto sapere lui stesso in una lettera pubblicata oggi dal settimanale quotidiano «Tal Cual», abitualmente antigovernativo, confermando la sua diagnosi, ma chiarendo che era una previsione.
«Non sono un traditore della Patria», ha specificato il medico, che non ha detto dove si trova attualmente. Navarrete ha però confermato le versioni dei media, secondo i quali, dopo l'intervista concessa al settimanale messicano «Milenio», in cui ha sostenuto che, come ex medico della famiglia Chavez e da informazioni raccolte tra suoi membri, il presidente potrebbe morire nel giro di un paio d'anni, è stato contattato dal capo dei servizi segreti (Sebin), Josè Alvarez Tineo.
Hugo Chavez, che ha 57 anni, è affetto da un tumore alla regione pelvica e per curarlo si reca periodicamente a Cuba, oltre ad affrontare terapie anche in Venezuela. Il suo ultimo rientro da Cuba risale a ieri, al termine del quale ha annunciato una visita a un santuario molto popolare del suo Paese, per sciogliere un voto.