Mediobanca, deciderà Marchionne

Gli Agnelli non si opporranno a un eventuale divorzio di Fiat dalla banca d’affari. Marchetti: «Nessuna richiesta d’uscita dal patto»

Pierluigi Bonora

da Milano

Gli Agnelli non metteranno i bastoni tra le ruote nel momento in cui Sergio Marchionne dovesse decidere di cedere la quota che Fiat Group detiene in Mediobanca. Come a dire: l’1,8% nella banca d’affari appartiene al Lingotto che, a questo, punto ha tutta la libertà di fare le opportune scelte in proposito.
È quanto si apprende da fonti finanziarie in vista dell’ipotetico divorzio tra Fiat e Mediobanca, anticipato nei giorni scorsi dal Giornale, sullo sfondo dei negoziati per riportare il gruppo di Torino all’85% della Ferrari. «Da parte nostra - ha commentato ieri l’amministratore delegato della Fiat - stiamo facendo con Mediobanca delle valutazioni a 360 gradi che includono tutto. Nulla è stato ancora deciso. La cosa importante, per noi, è riacquisire le quote della Ferrari, un asset sicuramente strategico per il gruppo».
Marchionne ha anche escluso che ci sia un conflitto tra il Lingotto e gli azionisti riguardo, proprio, alla questione Ferrari e Mediobanca. E a rafforzare l’affermazione del top manager è stato Franzo Grande Stevens, che insieme a Gianluigi Gabetti, presidente della holding Ifil, è da sempre l’uomo di fiducia degli Agnelli. «È tutto falso», ha sottolineato il legale della famiglia.
Reazioni alle indiscrezioni sul negoziato tra Fiat e Mediobanca per il 29% della Ferrari (l’11,7% è in mano all’istituto e il resto a un pool di banche) sono arrivate anche da Piazzetta Cuccia. A intervenire è stato Pier Gaetano Marchetti, presidente del patto di sindacato della banca d’affari. «La Fiat - ha puntualizzato il giurista - non ha mai presentato una richiesta formale per uscire dal patto», la cui scadenza è comunque fissata al primo luglio del prossimo anno. In proposito è anche da considerare che la cessione di una quota sindacata potrebbe riaprire più in generale i giochi all’interno del patto di sindacato stesso.
Nessuno scossone ieri a Piazza Affari per Mediobanca (meno 0,02%). Segno meno, invece, per la galassia Agnelli: il titolo Fiat ha ceduto lo 0,12% a 10,41 euro così come la «cassaforte» Ifi a 17,12 euro, mentre Ifil è scesa del 2,97% a 4,38 euro.