Mediobanca, Vicenza all’esame Antitrust

Al vaglio le dichiarazioni dell’ad sullo scorporo e i movimenti del titolo di lunedì 10 dicembre «Buy-back» prolungato al 30 aprile

La governance di Generali sarà questa mattina sul tavolo del cda della compagnia in programma a Milano nelle stesse ore in cui a Roma l’Antitrust valuterà gli impegni di Popolare Vicenza per acquisire il 2% di Mediobanca nell’ambito del passo indietro di Unicredit. Durante il board del Leone, convocato per esaminare il budget 2008, sarà dato spazio alle riflessioni emerse nel comitato governance riunito ieri sera al gran completo per circa un’ora e mezzo a Milano. Presente Ana Botin, che aveva disertato la riunione di insediamento poco meno di un mese fa. Dopo la relazione di Vittorio Ripa di Meana, si è aperta la discussione che non avrebbe tuttavia approfondito i temi caldi, come la posizione dei vertici e quella del presidente Antoine Bernheim, finito nel mirino del fondo Algebris e prima criticato da alcuni dei nuovi consiglieri. In ogni caso Ripa di Meana riferirà al cda sui punti individuati.
Nel frattempo sul fronte Mediobanca si è lavorato per trovare un accordo con l’Antitrust e ottenere che anche Popolare Vicenza possa partecipare al collocamento del 9,4% ceduto da Unicredit superando i dubbi dell’autorità circa i conflitti di interesse con Piazzetta Cuccia nell’investment banking e nel settore assicurativo. La soluzione dovrebbe passare, per quanto riguarda Cattolica, partecipata al 12% da Vicenza, da una sterilizzazione del voto in consiglio (in assemblea vale già il principio delle cooperative «una testa un voto») riducendo la presa della banca di Gianni Zonin.
Si sta pensando a un disimpegno anche sul fronte della controllata all’80% dalla Vicenza (il 20% è di 21Investimenti), Nord Est Merchant, attiva nell’advisory alle Pmi. Un’altra via per una soluzione potrebbe passare dal deposito presso un fondo terzo del 2% di Mediobanca acquisito dalla banca veneta, sul modello dell’«escrow account» individuato per parcheggiare la quota di Piazzetta Cuccia in Mediolanum.