Mediolanum e Azimut in volata

Mentre alcuni dei grandi gruppi, come Intesa Sanpaolo (meno 351 milioni di raccolta netta), Unicredit (meno 255 milioni), Banco popolare (meno 401 milioni), e Montepaschi (meno 124 milioni), continuano ad accusare forti flussi di riscatto, altri mostrano una ritrovata vitalità. Si tratta, per la precisione, di Arca (172 milioni), Ubi banca (56 milioni) e soprattutto Credito emiliano (che, con 198 milioni in aprile registra il record di saldo positivo del mese). In questo contesto, favorito anche dalla ripresa dei listini azionari, continuano a fare molto bene le grandi reti di promotori: Mediolanum (112 milioni), Azimut (177 milioni), Banca Generali (18 milioni) e Allianz (161 milioni). Buono anche il comportamento in aprile delle società di gestione indipendenti trainate dai risultati di Kairos partners (73 milioni), Banca delle Marche (23 milioni), Banca Intermobiliare (19 milioni), gruppo Banca Leonardo (9 milioni) e Banca Finnat Euramerica (9 milioni). Infine, mentre le Poste (9 milioni) tornano in attivo nella raccolta mensile di fondi, i gestori esteri vanno a corrente alternata con JPMorgan (meno 229 milioni) e Credit Agricole (meno 137 milioni) in rosso e Bnp Paribas (71 milioni) in attivo.