Mediolanum torna sopra i tre euro

A Parigi brilla Michelin

Avvio di settimana senza direzione e con pochi scambi per Piazza Affari: in assenza di indicazioni da Wall Street, chiusa per il Labor day, il Mibtel è sceso dello 0,10% e lo S&P/Mib dello 0,05%. Nella seduta sostanzialmente piatta della Borsa di Milano, spiccano le crescite del 5,51% del gruppo L’Espresso e del 4,92% a 11,1 euro di Fiat. Bene Ifi (+3,12%), in leggera perdita Ifil (-1,30%). Solida corrente di acquisti su Autogrill, che ha chiuso in aumento del 3,17%. Tra i titoli a maggiore capitalizzazione, è stata una giornata favorevole anche per Luxottica, in rialzo del 2,88%, e Fondiaria-Sai (+2,35%), mentre ritorna sopra la soglia dei tre euro Mediolanum (+1,89%). La buona salute del comparto automobilistico registrata in tutta Europa, ha sostenuto anche gli ordini su Pirelli, che ha chiuso con un aumento dell’1,08%. In crescita maggiore Seat Pagine Gialle (+1,83%). Chiusura piuttosto differenziata per i settori delle banche e delle assicurazioni: Intesa Sanpaolo è salita dell’1,25%, Alleanza Assicurazioni dell’1,22%. Poco mosse Unicredit (+0,27%) che ha riunito il comitato strategie per decidere la sua linea in merito al cambio di governance nella partecipata Mediobanca (-0,86%). Penalizzate dal calo del prezzo del petrolio, Saipem (-3,80%), Tenaris (-2,42%) ed Eni (-1,39%). Dopo la prima di campionato, la Roma ha ceduto l’1,76%, la Juventus ha guadagnato lo 0,48% e la Lazio l’1,39%. In Europa, a Londra brillano British Airways (+4,2%) e Rsa Insurance (+3,9%). A Francoforte tracollo per Commerzbank (-10,2%) dopo l’annuncio dell’acquisto di Dresdner Bank da Allianz (+0,04%). A Parigi brilla Michelin (+5,4%).