Medioriente: le meraviglie di Beirut e del Libano

Partenza da Milano, Roma e Venezia mercoledì 10 aprile rientro in Italia domenica 14 aprile 2019.

Partenza da Milano, Roma e Venezia mercoledì 10 aprile rientro in Italia domenica 14 aprile 2019.

Quattro giorni alla scoperta degli splendori di un Paese ricchissimo di storia e cultura: dai fenici ai greci; dai romani ai bizantini; dalle crociate agli ottomani; dalla prosperità della “svizzera del Medio Oriente” alla guerra civile, alla ricostruzione e, finalmente, alla normalità. Visiteremo tutti insieme con guide esperte palazzi, teatri, cattedrali, musei, piazze, università, mercati, castelli e giardini. Lasciando anche momenti liberi per shopping e visite individuali di approfondimento e per scoprire i luoghi della rinata Beirut, città oggi davvero effervescente e sempre affascinante. Ma non solo. Oltre a Beirut visiteremo anche l’imponente sito archeologico di Baalbeck; le storiche città di Byblos e di Basharre e attraverseremo la foresta di cedri con i suoi alberi millenari. Incontri a sorpresa con importanti e interessanti personaggi su temi storici, politici, culturali e architettonici; serate di convivialità tra il “popolo dei lettori de il Giornale”. Accompagnati nel viaggio dal nostro inviato Fausto Biloslavo e da Stefano Passaquindici- responsabile dell’organizzazione dei viaggi del vostro quotidiano -. Pernotteremo in un hotel 5 stelle lusso, al prezzo speciale riservato di 1.850 euro a persona in pensione completa, escursioni, ingressi, tasse e assicurazioni incluse. Supplemento singola 370 euro; voli da altre città su richiesta.

Per informazioni e prenotazioni: Passatempo, tel. 035/403530; info@passatempo.it

Durante i Viaggi del Giornale capita spesso di parlare con i nostri lettori dello spettacolare e irripetibile (purtroppo) tour in Siria del 2011. Tanti ricordi, tante emozioni che nessuno potrà mai più rivivere. E il viaggio che vi proponiamo ora in Libano sarà unico e indimenticabile a pari merito con quello in Siria.

Si, perché nonostante il passato difficile e le tensioni tuttora esistenti che infiammano il Medio Oriente, il Libano ha visto negli ultimi anni un graduale rafforzamento del turismo tornando ad essere un polo di attrazione non indifferente grazie alle bellezze che custodisce. Un fascino conservato nelle sue antiche città caratterizzate da meravigliose forme di architettura islamica, da preziosi siti archeologici, da moderne costruzioni nella capitale e dalla tradizionale ospitalità della popolazione locale. Le città antiche, le rovine di epoca romana, le lussuose località sciistiche sono solo una parte dell'immenso tesoro racchiuso all'interno del Libano, una terra così piccola ma altrettanto piena di angoli di storia.

E noi, in totale sicurezza, andremo alla scoperta di tutte le principali icone di questo sorprendete e rinato Paese. E lo faremo in compagnia di chi, come il nostro Fausto Biloslavo, lo conosce bene, così come conosce bene i principali attori della politica locale ma anche tutte le componenti internazionali qui presenti, prima tra tutte quella italiana, e che Biloslavo ci farà incontrare.

Beirut affascina, coinvolge, stupisce e, di sicuro, non lascia indifferenti. Soprannominata «la Parigi del Medio Oriente», questa città è caratterizzata da una storia millenaria costellata da conflitti e invasioni, anche recentissime. Eppure i suoi abitanti (più di un milione) sono energici, vitali e aperti: non a caso il Libano rappresenta un’eccezione in tutto il Vicino Oriente arabo per la sua multiculturalità e multireligiosità. Legata comunque alle tradizioni, ma aperta alla mentalità occidentale, la gioventù di Beirut grazie a internet e ai social network parla meglio inglese e francese che arabo e aspira a un tenore di vita occidentale (la movida notturna di Beirut, soprattutto sul lungomare dove si trova il nostro albergo, lo conferma).

Per comprendere appieno i contrasti di questa capitale, e quindi anche di buona parte del Libano, bisogna fare attenzione a tanti piccoli e grandi segnali: una chiesa cristiana accanto a una moschea; un gruppo di giovani vestiti all’occidentale con ragazze in minigonna seduto nello stesso locale dove altre donne portano il velo.

Noi in Libano faremo un viaggio di cinque giorni e quattro notti alla scoperta degli splendori di un Paese ricchissimo di storia e di cultura: dai fenici ai greci; dai romani ai bizantini; dalle crociate agli ottomani; dalla prosperità della «Svizzera del Medio Oriente» alla guerra civile alla ricostruzione e, finalmente, alla normalità.

Visiteremo tutti insieme con guide esperte palazzi, teatri, cattedrali, musei, piazze, mercati, moschee e giardini. Lasciando anche momenti liberi per shopping e visite individuali di approfondimento e per scoprire i luoghi della rinata Beirut, città oggi davvero effervescente e sempre affascinante.

Ma non solo. Oltre a Beirut visiteremo anche l’imponente sito archeologico di Baalbeck; le storiche città di Byblos e di Basharre e attraverseremo la foresta di cedri con i suoi alberi millenari.

Ci saranno degli Incontri a sorpresa con importanti e interessanti personaggi italiani e locali su temi storici, politici, culturali e architettonici; serate di convivialità tra il «popolo dei lettori de il Giornale». Accompagnati nel viaggio dal nostro inviato Fausto Biloslavo e da Stefano Passaquindici- responsabile dell’organizzazione dei viaggi del vostro quotidiano -.

Pernotteremo in un hotel 5 stelle lusso, al prezzo speciale riservato di 1.850 euro a persona in pensione completa, escursioni, ingressi, tasse e assicurazioni incluse. Supplemento singola 370 euro; voli da altre città su richiesta. Viaggio a numero chiuso con posti limitati.

Per informazioni e prenotazioni: Passatempo, tel. 035.403530; info@passatempo.it