Mega rissa notturna fra 50 sudamericani

Botte da orbi l’altra notte all’angolo tra via Padova e via Clitumno. Due ecuadoregni sono stati arrestati dalla polizia a conclusione di una rissa, alla quale hanno preso parte una cinquantina di sudamericani, scoppiata giovedì poco prima delle 2. I due sudamericani, che hanno 36 e 28 anni, si sono feriti leggermente al braccio e al polso. La colluttazione è scoppiata verso le 2, quando gli uomini, alcuni dei quali armati di bastoni, cinture e bottiglie, si sono affrontati sulla strada per motivi ancora al vaglio delle forze dell’ordine. All’arrivo della polizia c’è stato il solito fuggi fuggi generale: i sudamericani sono scappati, disperdendosi nelle strade della zona. E sul posto sono rimasti solo i due ecuadoregni.
Per il momento la polizia pensa che, in questo caso, le bande latino americane, dette pandilla, non c’entrino nulla. Ma l’allarme risse tra sudamericani in città c’è da un po’. Lo scorso 3 giugno all’angolo tra via Pellegrino Rossi e via Imbonati, al Dergano, intervennero ben 9 equipaggi delle volanti - impegnati sul posto per oltre due ore - per una lite tra una ventina di giovani sudamericani, degenerata in rissa, con il rinvenimento di un machete e uno zainetto contenente tre molotov. La notte tra il 17 e il 18 luglio furono ben 3 le liti furibonde scoppiate tra via Padova, via Carnevali (sempre al Dergano) e via Legioni Romane (a Baggio) e nelle quali furono coinvolti colombiani e peruviani. «La rissa in via Padova è l’ennesimo grave episodio di ordine pubblico che dimostra la necessità che le zone periferiche tornino a essere presidiate dai pattugliamenti dei militari. Pisapia li richiami in città» ha dichiarato Stefano Bolognini, assessore alla Sicurezza della Provincia.