Meglio arrestare un clandestino che fare la spesa

Quello che il verbale di arresto non riporta è la «sentenza» fatta in casa. Nel senso di quella emessa dai giudici più inappellabili che esistano: le mogli «abbandonate» con i sacchetti della spesa in mano. Due carabinieri non in servizio, infatti, mentre stavano facendo la spesa con le rispettive mogli, hanno arrestato due nordafricani immigrati clandestini all’ingresso del centro commerciale «Centroluna» di Sarzana. I militari hanno notato i due extracomunitari seduti su di una ringhiera, di cui uno noto perché era un clandestino già fermato ed espulso qualche mese fa. Fra la spesa e il dovere, i due carabinieri hanno preferito intervenire.
Lasciate le mogli, hanno allertato una pattuglia del nucleo Radiomobile della Compagnia di Sarzana. I due nordafricani, privi di documenti, sono stati portati in caserma dove stati identificati come S.A.R., di 32 anni, e A.K., di 25, entrambi marocchini, clandestini, già espulsi con decreto del questore di Agrigento allo sbarco nell’agosto 2007, ma rimasti illegalmente in Italia. Processati per direttissima ieri mattina, i due maghrebini saranno accompagnati al centro di permanenza temporanea in attesa di rimpatrio.
Proposta di encomio quasi scontata, resta da vedere cosa ne pensano le «marescialle».