Melazzini promette «un buon bilancio»

Il 2010 è stato un anno «faticoso e difficile», ma la Banca Popolare di Sondrio ha «le carte in regola» e presenterà «un buon bilancio». É quanto scrive il presidente Piero Melazzini, nella tradizionale lettera di fine anno agli oltre 168mila soci della banca. Melazzini sottolinea che la Popolare di Sondrio ha rafforzato la propria struttura sia accantonando una significativa quota dell’utile 2009 sia con un prestito obbligazionario da 350 milioni. Il portafoglio titoli ha visto «forti» minusvalenze sui cct. Pur tuttavia, conclude Melazzini, «permane una buona redditività»