Melazzini solleva l’asta del capitale

La solidità patrimoniale per la Popolare di Sondrio è da sempre una priorità e un vanto. Anche quando gli analisti imponevano la stella polare del Roe, il presidente Piero Melazzini guidava la Sondrio su un’altra strada. Una direzione confermata nella lettera di metà anno agli oltre 170mila soci, dove Melazzini scrive che «il patrimonio è costantemente oggetto d’attenzione». «Anche se la nostra effettiva consistenza patrimoniale appare adeguata, un ulteriore accrescimento delle sue componenti darebbe un vigoroso impulso alla capacità operativa». I soci che il prossimo anno raggiungeranno Bormio per l’assemblea sono avvertiti. Intanto Melazzini assicura che nel primo semestre la Sondrio ha avuto risultati «appaganti».