Melges 24, Bressani mondiale

Trionfo di Uka Uka Racing a Corpus Christi, in Texas per Bressani, Santini, McKee, Michetti e Gridelli che vincono per la terza volta il trofeo di classe

E tre. Bressani fa il suo "triplete" conquistando per la terza volta il mondiale Melges 24, impresa mai riuscita prima a nessun timoniere in questa difficile classe. Uka Uka Racing ci è riuscito anche nel 2008 (a Porto Cervo) e nel 2010 (a Tallin). La Classe continua ad attirare campioni olimpici e velisti con esperienza di Coppa America e Volvo Ocean Race, come testimoniano i curricula di tanti velisti a Corpus Christi, in Texas, nelle acque che hanno ospitato le spettacolari e combattutissime regate.

"Le condizioni meteo impegnative del Texas si sono rivelate per noi ottimali – dice Lorenzo 'Rufo' Bressani –. Nelle giornate di allenamento ero un po’ preoccupato, perché con aria debole era difficile per noi ingranare la marcia giusta. Poi il vento è salito e ci ha assistito per tutto il campionato, mettendoci a nostro agio. Si sapeva che il meteo di Corpus Christi avrebbe dato vita ad un campionato ventoso e quindi impegnativo, anche se la località ha penalizzato soprattutto gli equipaggi americani, che non considerano il Texas una delle loro località preferite per fare regate. Sono mancate quindi diverse barche, in particolare quelle di metà classifica – continua il campione triestino –, però i primi 10 erano equipaggi di valore e hanno combattuto molto. Sono certo che l’anno prossimo al mondiale italiano si tornerà sopra le 100 barche. A mio parere questa è una delle classi più divertenti e impegnative che ci siano oggi. Un grazie speciale va a Vince Brun della Veleria North Sails, che ha messo in campo tutta la sua esperienza per prepararci al meglio a questo appuntamento".

Dietro a Bressani completano il podio l’americano Brian Porter su Full Throttle e l’australiano (con bandiera irlandese) Nathan Wilmot su Embarr (Wilmott è campione olimpico 470 in carica). "

Sono veramente orgoglioso di questa vittoria e di questo team", dichiara l’appassionato armatore civitanovese Lorenzo Santini, che in pochissimi anni si è impegnato e ha lavorato tantissimo per mettere a disposizione di Uka Uka Racing le risorse necessarie per vincere questi campionati. "Ringrazio i ragazzi e gli sponsor che credono in noi, i nostri fan e tutti coloro che ci sono stati vicino in queste imprese".

Un altro elemento fondamentale del team è Federico Michetti, tailer a bordo e bravissimo team manager a terra, che è riuscito a creare e a gestire una "macchina da guerra" vincente. "Questo risultato è il coronamento di un grande lavoro e di un gruppo che riesce a dare il massimo in ogni condizione”.