La Meloni: "Ora basta fascismo e antifascismo". Parola ai lettori: dì la tua

Il ministro per le Politiche giovanili interviene per porre fine alle polemiche innescate dalle parole di Fini: "Crediamo nei valori cu cui si basa la Costituzione. Non ne posso
più di parlare di fascismo e antifascismo e non intendo farlo ancora&quot;. <strong><a href="/a.pic1?ID=291251">Il dibattito è aperto: di' la tua</a></strong>. La Mussolini indossa <strong><a href="/a.pic1?ID=291261">la maglietta anti-Fini
</a></strong>

Roma - "Siamo stati e restiamo gente che crede nella libertà, nella democrazia, nell’uguaglianza e nella giustizia. Siamo quelli che ogni giorno consumano i migliori anni della propria gioventù per difendere questi valori, al punto che se oggi qualcuno si mettesse in testa di reprimerli - come avviene in Cina, a Cuba o in altre parti del mondo - noi li difenderemmo con la vita. Sono i valori sui quali si fonda la nostra Costituzione e che sono propri anche di chi ha combattuto il fascismo. Non ne posso più di parlare di fascismo e antifascismo, e non intendo farlo ancora. Voglio fare altro, occuparmi di questo presente e di questo futuro". Lo scrive il ministro per le Politiche giovanili e presidente di Azione giovani, Giorgia Meloni, in una lettera che verrà pubblicata sul sito del movimento dei giovani di An, nella quale si sofferma sulle polemiche seguite alle affermazioni del presidente della Camera Gianfranco Fini durante la sua partecipazione ad "Atreju".