Le memorie dell’Idv pentito Per Tonino sono Razzi amari

Eletto nell’Idv, osò votare la fiducia al governo Berlusconi. Dopo il trappolone teso dall’ex compagno di partito Francesco Barbato con telecamera nascosta Antonio Razzi (nella foto) è considerato un venduto, un giuda, un traditore . Ma lui non ci sta sta a passare per «comprato»: Le mie mani sono pulite, dice il suo libro (edito da Il Borghese) che presenterà il 1° febbraio a Montecitorio, con Berlusconi e Sgarbi. «La prefazione l’ha scritta il Cav. Racconto anche come ho conosciuto Di Pietro quando era pm. Gli proposi, se avesse fatto un partito, di organizzarglielo all’ estero. Lui mi rispose: “Ma chi ci pensa”». Per Tonino saranno Razzi amari.