Memorie dell’Ungheria a 50 anni dalla rivolta

Il 23 ottobre 1956 scoppiò in Ungheria la rivolta popolare contro i carri armati sovietici e il regime comunista. A 50 anni di distanza gli ungheresi commemorano la data che ha cambiato la Storia. Per l’occasione esce la rivista «La nuova Europa» con il dossier «Budapest 23 ottobre - 4 novembre 1956». Il numero si apre con una ricostruzione di Aleksej Judin, lo storico russo che evidenzia i legami con molti elementi del quadro politico e ideologico di allora. Le reazioni negli altri Paesi sono descritte da Nicolas Bauquet. Ampio spazio anche alle memorie personali di chi ha vissuto quei giorni: due ungheresi, Peter Erdo, attuale cardinale di Esztergom-Budapest e padre Blanckenstein; un francese, lo slavista Michel Aucouturier e due italiani, Massimo Caprara e Vittorio Strada. Info: «La Nuova Europa» (6 euro; abbonamento annuo 30 euro). Tel. 035 294021. A Milano è reperibile presso R.C. Edizioni. Via Ponzio 44. Tel. 02 2663432.