Menù differenziati per i più ortodossi

È la prima E delle elementari «Lessona Fiocchetto» di Torino la scuola più multietnica d'Italia: 15 bambini su 15 sono stranieri. Africani soprattutto e poi cinesi, romeni ed albanesi. Un record che nel quartiere di Porta Palazzo, dove si trova l'istituto, non è così eccezionale: in tutte le classi il 63% non è italiano. Situazione simile a Novara, nella scuola materna del quartiere Sant’Agabio: su cento iscritti 81 sono stranieri. Il personale deve far fronte anche alla diversità dei pasti, con tre menù: tradizionale, senza carne di maiale e totalmente senza carne. Gli islamici ortodossi non consumano carne macellata secondo il metodo occidentale.