Meningite, in Brianza corsa al vaccino

Morte del giovane di Seregno: aperta l’inchiesta

Nessun dubbio: la paura di contrarre il virus della meningite sta mettendo a dura prova le strutture sanitarie di tutta la Brianza. Ieri è stato il giorno delle vaccinazioni. Sono soprattutto le mamme con i loro bambini che hanno fatto la fila ai distretti sanitari di Desio e Seregno dell’Asl 3. Per ora gli addetti delle strutture sanitarie hanno preso nota delle prenotazioni: l’immunizzante dovrebbe garantire solo contro il virus che gli esperti definiscono da meningococco. In pratica non si tratta della stessa specie che giorni fa ha ucciso il ragazzo di Seregno. In ogni caso il vaccino è disponibile gratuitamente solo per i ragazzi fino a diciotto anni. Per gli altri, si deve acquistare in farmacia con la presentazione della ricetta medica. Costo 57 euro. Intanto, il procuratore capo della Repubblica di Monza Antonio Pizzi fa sapere di aver aperto un’indagine conoscitiva sul decesso del ragazzo. «Mi sono fatto inviare dai carabinieri della compagnia di Seregno le relazioni cliniche e la documentazione con lo scopo di valutare con la massima precisione i contorni del caso. Vogliamo capire - spiega Pizzi – se vi è l’ipotesi di ravvisare reati di natura penale. Reati, che allo stato, non sono emersi».