Con meno di 35 euro i genovesi «scoprono» la Catalogna

C’è chi da Genova parte per la Catalogna, sud della Spagna, per affari o turismo, per il business dei traffici portuali o per le spiagge della Costa Daurada. E c’è chi lo fa per scoprire le invenzioni architettoniche di Gaudì e le testimonianze del modernismo, per frequentare i luoghi della fede, da Montserrat a Poblet, o i più prosaici itinerari della vitivinicoltura, come suggerisce Marta Teixidor, dell’Ufficio turistico catalano. Ma per chi punta a uno solo oppure, perché no?, a tutti insieme questi obiettivi, ora c’è una ragione in più che rende logica e desiderabile l’immersione nella realtà della provincia spagnola autonoma e autonomista per eccellenza, moderna e, insieme, ricca di tracce del passato. La ragione, molto pratica, è la disponibilità, per volare dal «Colombo» a Barcellona, di un Airbus 320-200 della compagnia spagnola low cost «Vueling»: un velivolo da 180 passeggeri, confortevole e con tecnologie di bordo che lo rendono particolarmente rispettoso dell’ambiente. In più - che non guasta, e non solo per i più parsimoniosi dei genovesi -, a prezzi competitivi: fino a ottobre, da 34,99 euro a tratta, tutto incluso (info su www.vueling.com).
«Fino a ottobre - specifica, comunque, Massimo Di Perna, country manager Italia di Vueling - significa che il nuovo collegamento è stato messo a punto per la stagione estiva, proprio per la maggiore domanda di traffico. Ma se, come abbiamo già riscontrato, i risultati saranno incoraggianti, siamo pronti a estendere il calendario e il numero dei voli». Le partenze sono martedì, venerdì e domenica, e consentono viaggi di lavoro o un ampio fine settimana in Catalogna, ma anche l’opportunità di raggiungere numerose destinazioni in Europa e nel mondo facendo scalo a Barcellona, comprese le 44 rotte offerte dalla stessa Vueling. «La nostra compagnia è nata nel 2004 - ci tiene a sottolineare ancora Di Perna -, ma è cresciuta in fretta, con una filosofia mirata all’offerta di viaggi a prezzi low cost con un servizio di standard elevato». Una sfida «assolutamente da vincere» - concorda il direttore generale di Aeroporto Spa, Paolo Sirigu - anche per il Colombo che, per assecondare la crescita in atto, punta molto sullo sviluppo di accordi con le più importanti e dinamiche compagnie low cost.