«Meno inquinamento, un bene per tutti»

«Ben venga un provvedimento contro l’inquinamento. A patto che non si traduca in una forma di speculazione». Da buon milanese doc Renato Pozzetto guarda con favore al ticket antismog, che - spiega - «potrebbe rappresentare una soluzione al problema. È chiaro che, una volta cominciata la sperimentazione, dovranno essere compiuti molti sforzi affinché questo progetto non porti con sé disagi e lamentele».
Per l’attore il traffico è una questione ormai superata. «Abito all’interno della cerchia dei Navigli - racconta - e mi sono organizzato scegliendo un ufficio vicino a casa. In questo modo, sia io sia i miei figli non siamo costretti a prendere l’auto per andare al lavoro». Ma non tutti i cittadini hanno questa fortuna. «Per questo - continua - è importante che i servizi siano migliorati. Se i mezzi pubblici funzionassero alla perfezione non ci sarebbe alcun motivo per non usarli. E inoltre, il ticket non si tradurrebbe in un provvedimento ingiusto nei confronti delle persone che lavorano in centro».
La pollution charge è quindi promossa. Anche perché, continua Pozzetto, «lo smog fa paura. Ho dei nipotini e sono preoccupato per la qualità dell’aria. Meno inquinamento sarebbe un bene per tutti». E per il futuro? «Vediamo come va questa sperimentazione - conclude Pozzetto -. Se il progetto non creerà problemi nel tempo, allora potrà diventare definitivo».